Green economy

L'economia verde non è solo una forma più accettabile e "colorata" delle attività di produzione e consumo dei beni. Ma diviene un nuovo approccio alla gestione di questi beni, compresi quelli ambientali. Qualcuno potrebbe aggiungere che questo cambiamento è ormai indispensabile. Altri lo dicono da anni ed altri ancora lo negano tutt'oggi. Si pone quindi nuovamente l'accento sull'etimo della parola economy, in particolare sull'oikos che in senso lato arriva a comprendere tutti gli ambienti del pianeta.

La vera innovazione perà non si limita ai tre pilastri della sostenibilità (economia, ambiente, società), ma impone un approccio sistemico. L'ecologia si fonda sulle interazioni, sui flussi e sulle dinamiche. Certo una logica simile complica le cose, ma alla lunga ci permette di gestire meglio i processi.

Per la discussione su questi temi, potremmo partire proprio dalle fondamenta del concetto di sostenibilità. Quale dei tre pilastri è secondo voi il più importante? O se pensate che siano di pari grado, quale attualmente è quello sopravvalutato? Negli ultimi anni secondo voi è cambiato qualcosa o l'ordine è lo stesso del secolo scorso (guerre mondiali, rivoluzione digitale) e di quello ancora precedente (rivoluzione industriale)?
Infine è più importante fare green economy o comunicare green economy?
Una riflessione per il fare: “Il momento migliore per piantare un albero era 20 anni fa. Il secondo miglior momento è ora.”  - proverbio cinese.
Una riflessione per il comunicare: "Che suono fà la caduta di un albero in una foresta deserta?" - Koan del pensiero laterale Zen.

Aspettiamo le vostre risposte o un commento sul forum.